Beppe Gambetta, Rendez-Vous

 

(2008)  CD Gadfly Records 2008  (Gadfly 516)

 

Vent’anni dopo « Dialogs », il suo primo album nato da un incredibile viaggio coast to coast nel nordamerica, Beppe Gambetta ritrova il senso della collaborazione e il desiderio di dialogare con artisti diversi. All’epoca lo spirito era però differente: non c’era un budget, non una casa discografica, tutto aveva il sapore dell’avventura e Beppe era emozionato nell’incontrare musicisti che erano per lui dei veri e propri maestri. Oggi molto è cambiato, Gambetta è un artista dal talento indiscusso e i “duetti” di questo nuovo album sono per lui un’occasione per sperimentare stili e arrangiamenti innovativi. Usa ad esempio un “plectrum fingerstyle” dal suono molto pieno rispetto al caratteristico flatpicking di vecchia conoscenza. I risultati sono sorprendenti all’ascolto di “Battle of Waterloo” (in duo con Patty Larkin) ma anche di “Madame Guitar” (di Sergio Endrigo, in duo con Darrell Scott) e di “Dio è morto” (di e con Francesco Guccini). A proposito di quest’ultima traccia, va detto che un Guccini davvero ispirato ha trovato sfumature vocali sorprendenti e raffinate grazie soprattutto agli arrangiamenti di Beppe. Non altrettanto in sintonia è il lavoro sui pezzi di De André ma, questa, è opinione personalissima del sottoscritto. Una menzione va fatta infine per la fotografia di copertina si Stefano Goldberg.

 

Tracks:

1 Battle of Waterloo

2 Hobo's Crossing

3 Madame Guitar

4 Light in Torraca

5 Pane, Olio e Sale

6 Sinan Capudan Pascia'

7 Leonidi

8 Fruit Tree

9 Procession

10 Dio e' morto

11 Ninna Nonna